English French German Italian Portuguese Russian Spanish

ISCRIZIONI



Ricevi HTML?

OMEOPATIA: La medicina del futuro...oggi!

Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 
Aumenta la dimensione del testo

 

Cristian Frederic Samuel Hahnemann nasce a Meissen il 10 Aprile 1755

HAHNEMx

Studia all’Università di Lipsia.  Dato che non era di famiglia benestante, riuscì a terminare gli studi grazie ad una borsa di studio che gli mise a disposizione un sacerdote e si pagò l’università con le traduzioni di letteratura medica del tempo. Era molto portato a studiare la botanica innanzitutto.

Ai suoi tempi si utilizzavano i formulari di erbari in base alla imitazione della “teoria umorale”, cioè all’imitazione degli emuntori che potrà avere la vis medicatrix naturae.

Viene impartita da Quarin l’istruzione di clinica medica a Vienna. Ad un certo momento parte per la Romania, assunto da un signorotto della Transilvania, che gli mette a disposizione una grandissima biblioteca, in cambio delle sue prestazioni di medico.  A quei tempi essere esperti in medicina significava già essere medici. Laureatisi ad Erlangen nel 1779, già nel 1777 faceva il medico presso il barone Bruckental.  Si laurea facendo una tesi sul mesmerismo (magnetismo), che era oggetto di molte discussioni nei salotti culturali dell’epoca, soprattutto a Vienna. Il mesmerismo compare nelle sei  edizioni dell’Organon.   Fu interdetto dalla professione medica per ben due volte e per due volte dovette riproporre una tesi che fosse accettabile.  Già nel 1779 fa degli studi sulla propagazione delle epidemie. Cioè pone il problema di come questi miasmi si propagano da un individuo all’altro, contagiando la popolazione.  Cosa importante che fece Hahnemann fu lo studio della chimica.  fece la traduzione del trattato di cimica di Demarchy. Poi cercò di applicare questi studi di chimica in medicina, cosa che non poteva essere fatta secondo il sistema del tempo, coè riguardo alla teoria umorale, la quale non poteva presupporre l’applicazione della chimica.  Introduce la chimica in medicina e si pone il problema di come una sostanza possa agire chimicamente sull’individuo e soprattutto inizia a chiedersi, particolarmente nelle malattie dei minatori (nei quali praticamente c’è una sperimentazione su uomini sani), perchè in quell’ambiente si sviluppa una malattia cronica come la silicosi.  Cioè Hahnemann inizia a studiare il meccanismo che conduce a questa malattia cronica.

Share
comments
Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 
Aumenta la dimensione del testo

INIZIAZIONE ALL'OMEOPATIA
di Georges Broussalian
PER UN MANIFESTO OMEOPATICO

kent repertory

Tratto da:  James Tyler Kent "Repertorio della Materia Medica Omeopatica"



È sempre gradevole citare aforismi convincenti che si imprimono nella mente.
"Se è vero che non vi sono malattie, ma malati, è non meno vero che non esiste l'omeopatia ma omeopati".

L'uno drena, l'altro prescrive venti rimedi differenti, il terzo uno solo, quell'altro miscela le prescrizioni allopatiche ed omeopatiche, questo qui dà i semplici con i complessi; la varietà è tale che il neofita non comprende più niente, e scoraggiato, se ne ritorna all'allopatia che aveva tentato di lasciare. Questo flirt con l'omeopatia gli ha fatto scoprire altrettante esitazioni, incertezze, tentennamenti e soprattutto fantasie come nella prescrizione allopatica.
Senza volere entrare nel dettaglio né sollevare la legittimità o la validità delle differenti scuole, si può dunque affermare, con giusta ragione, che esistono tante omeopatie quanti omeopati. In questo nessuna meraviglia, poiché se noi desideriamo personalizzare i nostri pazienti e i nostri rimedi, perché il medico non dovrebbe individualizzarsi a sua volta?
Io non sono nemico dei semplici, questa è una terapia valida, ha il suo posto nell'arsenale a nostra disposizione per curare ed alleviare i nostri pazienti. Io non sono contro il drenaggio nella misura in cui può chiarire il caso o evitare l'aggravamento omeopatico. Ammiro la fede dei miei colleghi unicisti, come gli agopuntori, alla ricerca del solo e unico ago capace di guarire il paziente nella sua totalità. Sono, per contro, perplesso di fronte al pluralista che si spinge fino a prescrivere rimedi antidoti o incompatibili fra loro in insalata, alla grazia di Dio e a spese del paziente! Infine, sono inorridito nel vedere la macedonia omeopatica, allopatica e semplice di alcuni colleghi incerti.

Che dire inoltre di chi cerca il rimedio con il pendolo in congiunzione con gli astri, senza parlare di quell'altro che non cerca niente del tutto e che prescrive non importa cosa purché abbia forma omeopatica!
Tutto questo nuoce alla dottrina in generale e ai malati in particolare, rendendo scettici numerosi pazienti che si indirizzano all'omeopatia per essere curati da un male che eminenti colleghi non hanno guarito. Questi atteggiamenti ridicolizzano tutti, il medico allopata come il medico omeopata. Tuttavia, nonostante tutte queste scuole, tutte queste omeopatie, tutte queste rivalità di campanile, vi è una sola base intangibile e comune a tutti, una piattaforma essenziale senza la quale non potrebbe esserci omeopatia. Quest'area, questo piano comune, è il principio di similitudine. 

Share
comments
Valutazione attuale: / 6
ScarsoOttimo 
Aumenta la dimensione del testo

 

cipolle

La cipolla è una pianta erbacea bulbosa appartenente alla famiglia delle Liliacee; è uno degli ortaggi più antichi impiegati dall'uomo, la sua pianta ha origini asiatiche e già nel 3.200 era utilizzata dalla popolazione egizia ed in seguito da greci e romani che ne conoscevano  proprietà e virtù terapeutiche. Si ritiene che durante le costruzioni delle piramidi venivano acquistate grandi quantità di cipolle ed aglio che rappresentavano l'alimento principale degli schiavi addetti ai lavori. Nell'antica Mesopotamia la cipolla era ritenuta una panacea nei confronti di molte malattie e gli ultimi studi in materia confermano le molte proprietà curative di questo ortaggio.

Il periodo ideale per la semina della cipolla è l'autunno, possibilmente in terreni bene esposti al sole e ricchi di fosforo e potassio; dal momento della semina alla raccolta sono necessari circa quattro mesi.
Il 90% circa del suo peso è costituito da acqua; le sostanze da cui è composta la cipolla sono: carboidrati, proteine (1%), fibre alimentari, vitamine del gruppo B ( B1, B2, B3, B5, B6, B9), D, E ed infine la provitamina A.

Share
comments
Link Exchange With Omeopatianet - Omeopatia