English French German Italian Portuguese Russian Spanish

ISCRIZIONI



Ricevi HTML?

Liberta' di cura


È stato condotto uno studio con lo scopo primario di valutare se l’agopuntura fosse in grado di ridurre il dolore e la disfunzione nei pazienti oncologici con una storia di dissezione del collo.
L’obiettivo secondario era quello di determinare se l’agopuntura potesse eliminare la secchezza delle fauci in questa popolazione.

Hanno preso parte allo studio pazienti con dolore cronico o disfunzione attribuita a dissezione del collo che sono stati assegnati in maniera casuale a sedute settimanali di agopuntura versus terapia standard ( terapia fisica, analgesia e/o farmaci anti-infiammatori in base alle preferenze dei pazienti o alle raccomandazioni dei medici ), per 4 settimane.

La principale misura di esito era il punteggio Constant-Murley, una misura composita di dolore, funzione e attività della vita quotidiana, mentre uno degli endpoint secondari, la xerostomia, è stato valutato utilizzando la scala Xerostomia Inventory.

In totale, 58 pazienti sono stati inclusi nello studio e assegnati in maniera casuale ai gruppi di studio nel periodo 2004-2007 ( 28 e 30 pazienti al gruppo agopuntura e controllo, rispettivamente ).

I punteggi Constant-Murley hanno mostrato un maggiore miglioramento nel gruppo agopuntura ( differenza tra i gruppi aggiustata=11.2; P=0.008 ); inoltre l’agopuntura ha prodotto un maggior miglioramento della xerostomia ( differenza nello Xerostomia Inventory: -5.8; P=0.02 ).

In conclusione, nei pazienti trattati con agopuntura sono state osservate riduzioni significative in dolore, disfunzione e xerostomia rispetto a quanto osservato nei pazienti trattati con cure standard.
Benchè siano necessari ulteriori studi, questi dati supportano il ruolo potenziale dell’agopuntura nella gestione del dolore, della disfunzione e della xerostomia dopo dissezione del collo. ( Xagena2010 )

Pfister DG et al, J Clin Oncol 2010; 28: 2565-2570

Onco2010

 

Share
comments

 

Dagli articoli “Come viene creato il denaro” e “Confessioni di un sicario dell’economia: John Perkins“, abbiamo appreso come la Federal Reserve tiene il popolo americano in una posizione di schiavitù contrattuale, attraverso il debito perpetuo, l’inflazione e gli interessi, e come dall’altra parte la Banca Mondiale e l’FMI svolgono questa funzione su scala globaleLa Corporazione - The Corporation
La truffa è semplice: viene fatta indebitare una nazione, sfruttando l’imprudenza ocorrompendo il leader di quel paese dopodichè verranno imposte delle condizioni o “politiche di riforma strutturale” che spesso consistono nella svalutazione della moneta.
Quando una moneta perde valore, lo stesso succede per tutto ciò che ha valore in quel paese e questo rende le risorse locali accessibili per altre nazioni “predatrici” ad una frazione del loro valore.
Grandi tagli ai fondi per i servizi sociali, che di solito comprendono sia l’istruzione che la sanità, compromettendo il benessere e l’integrità sociale, lasciando i cittadini vulnerabili allo sfruttamento.

Privatizzazione di imprese statali significa che importanti sistemi Federal Reservesocialipossono essere acquistati e regolati da corporazioni straniere per trarne profitto.
Nel 1999, ad esempio, la Banca Mondiale insistette affinché il governo della Bolivia vendesse il sistema idrico pubblico della sua terza più grande città a una sussidiaria della multinazionale americana, la “Bechtel“. Appena venne venduta, le bollette dell’acqua per i residenti del posto, già poveri, andarono alle stelle. Soltanto grazie ad una completarivolta dei cittadini il contratto con la Bechtel venne annullato.

La liberazione del commercio, o apertura dell’economia, avviene attraverso la rimozione dellerestrizioni inerenti gli scambi esteri. Questo rende possibile tutta una serie di abusi di natura economica, come quando viene permessa alle multinazionali l‘importazione in massa dei loro prodotti che vengono venduti sottocosto rispetto alla produzione interna e rovinano le economie locali.
Un esempio è la Jamaica, dopo aver accettato i prestiti e le condizioni imposte dalla Banca Mondiale ha perso i suoi più grandi mercati di prodotti agricoli a causa della competizione con le importazioni dall’Occidente. Oggi, un numero indeterminato di contadini sono senza lavoro perchè incapaci di competere con le grandi multinazionali.
Un’altra variante è quella di creare numerose fabbriche inosservate che sfruttano i lavoratori locali, senza regole, in modo disumano e che approfittano delle privazioni economiche che vengono imposte. A causa della deregolamentazione delle attività produttive, inoltre, la distruzione dell’ambiente continua a prendere piede, mentre le risorse del paese vengono sfruttate dalle incuranti corporazioni, le quali emettono deliberatamente anche ingenti quantità di agenti inquinanti.

Texaco - disastro ambientale in BoliviaNel 1993 è stata promossa la più grande azione legale su questioni ambientali della storia del mondo, in difesa di 30.000 abitanti dell’Ecuadore dell’Amazzonia contro la Texaco, che ora è di proprietà della Chevron, e contro le attività condotte dalla Texaco stessa. Si stima che abbiano scaricato nelle acque sostanze inquinanti per 18 volte di più del quantitativo che la Exxon Valdez ha scaricato nelle coste dell’Alaska.

Nel caso dell’Ecuador, non si è trattato di un incidente. Le compagnie petrolifere fecero tutto consapevolmente; sapevano cosa stavano facendo, e lo facevano per risparmiare denaro anziché organizzare un effettivo smaltimento.
Scorrendo rapidamente i risultati record della Banca Mondiale scopriamo che l’istituzione, che dichiara pubblicamente di aiutare lo sviluppo dei paesi poveri, e di ridurre la povertà, non ha fatto nient’altro cheaumentare e ampliare il divario tra poveri e ricchi, mentre i profitti delle corporazioni aumentano esponenzialmente.
Nel 1960 il divario fra i redditi di un quinto degli abitanti dei paesi più ricchi, e un quinto degli abitanti dei paesi più poveri, era di 30 a 1. Nel 1998, era di 74 a 1. Mentre il prodotto interno lordo globale cresceva del 40% fra il 1970 e 1985, il PIL del paesi poveri era cresciuto solo del 17%.

Mentre dal 1985 al 2000, il numero delle persone che vivono con meno di un dollaro al giorno è cresciuto del 18%, persino la Commissione Economica del Parlamento Americano ha ammesso che c’è un tasso di successo solo del 40/45% di tutti i progetti della Banca Mondiale. Alla fine degli anni ’60, la Banca Mondiale intervenne in Ecuador con enormi prestiti. Durante i 30 anni successivi, la povertà crebbe dal 50% al 70%, la disoccupazione o la sottoccupazione crebbe dal 15% al 70%, il debito pubblico crebbe da Sede Banca Mondiale 240 milioni di dollari a 16 miliardi, mentre la distribuzione delle risorse destinate ai poveri scendeva dal 20% al 6%. Dal2000, infatti, il 50% del budget nazionale dell’Ecuador viene destinato alpagamento del debito.
È importante comprendere che la Banca Mondiale è di fatto una banca statunitense che sostiene gli interessi statunitensi, in quanto gli Stati Unitidetengono il diritto di veto sulle sue decisioni perchè ne sono il più grande erogatore di capitali.
Ma da dove prendono tutto questo denaro?

Immaginate un po’… viene creato dal nulla attraverso il sistema bancario a riserva frazionaria. Pensate che tra le prime 100 economie, sulla base del PIL annuale, 51 sono corporazioni e 47 di queste 51 hanno sede negli Stati UnitiWalmartGeneral Motors, e Exxon (Esso), sono economicamente più potenti dell’Arabia Saudita, della Polonia, della Norvegia, del Sud Africa, della Finlandia, dell’Indonesia, e di molti altri ancora. Ma dato che le barriere commerciali protezionistiche vengono abbattute, le valute circolano da una parte all’altra divenendo oggetto di speculazione inmercati fluttuanti, rovesciando le economie degli stati in favore della libera competizione e delcapitalismo globale.
E l’impero si espande…

Exxon Valdez - disastro ambiantale sulle coste dell'AlaskaMolti americani si mettono davanti al proprio schermo da 21 pollici sbraitando e parlando dell’America e di Democrazia. Non c’è America, non c’è Democrazia.
Ci sono solo solo IBM, e ITT, e AT&T, e DuPontDowUnion Carbide, edExxon. Queste sono le nazioni del mondo, oggi.
Di cosa credete che parlino i Russi nei loro consigli di stato? Di Karl Marx? Tirano fuori i loro diagrammi di programmazione lineare, le loro teorie decisionali statistiche, soluzioni di minima e massima, calcolano i probabili costi e i prezzi delle loro transazioni e investimenti, proprio come facciamo noi.
Non viviamo più in un mondo di Nazioni e Ideologie, il mondo è un insieme di corporazioni, inesorabilmente regolato dalle immutabili spietate leggi del mercato.
Il mondo è un business. ( Network, 1976 )

Nel suo complesso, l’integrazione mondiale, intesa come insieme, particolarmente in termini di globalizzazione economica e come capitalismo del libero mercato dalle proprietà mitologiche, rappresenta un vero e proprio “impero” di diritto. Pochi sono potuti sfuggire agli “interventi strutturali” e alle “condizioni” della Banca Mondiale, dell’ International Monetary Fund, e del WTO; queste istituzioni finanziarie internazionali, seppure inadeguate, determinano ancora oggi il significato di globalizzazione economica. Tanto è il potere della globalizzazione che nel corso della nostra vita molto probabilmente vedremo l’integrazione, seppur discontinua, di tutte le economie mondiali in un unico sistema globale di libero mercato.
J. Garrison – Presidente del Forum “State of the World”

Il mondo, quindi, sta per essere conquistato da un manipolo di individui che rappresentano i poteri finanziari che domina le risorse naturali che ci servono per vivere, controllando il denaro che ci serve per ottenere queste risorse.
Il risultato finale sarà un monopolio mondiale che non si basa sulla vita e sul benessere degli uomini ma sul potere finanziario delle corporazioni.

Continua…

Rif. TheZeitgeistMovement.com

Per capire bene cosa sono e come agiscono le grandi corporazioni multinazionali un documentario che analizza la loro storia, il loro funzionamento interno, l’impatto che provocano sull’ambiente.
Quali saranno le conseguenze sull’essere umano, sull’ambiente, sulla democrazia e sulla stessa sopravvivenza del nostro pianeta, se diamo un immenso potere ad un’istituzione strutturalmenteamorale, il cui obiettivo primario è quello di creare ricchezza essenzialmente per i propri azionisti?


fonte: http://coscienzaglobale.com


Share
comments

 

Bronzo nella 20 km di marcia alle Olimpiadi di Pechino e settima ai Giochi Londinesi, Elisa Rigaudo a novembre tornerà ad allenarsi in vista dei prossimi mondiali di marcia, che si svolgeranno ad agosto del 2013. L’atleta azzurra,classe 1980, affronta il suo sport al meglio anche grazie all’omeopatia, che ha scoperto nel 2004, anno delle sue prime Olimpiadi.

«In quel periodo avevo notato che qualcosa in me non andava: gli esami del sangue indicavano un’emoglobina molto bassa» ha raccontato Elisa in un’intervista. «Inizialmente mi dicevo ok, il mio è uno sport di resistenza, persino usurante, e forse tutti i chilometri che faccio mi mangiano il ferro,cercando di autoconvincermi che fosse tutto normale. Al tempo stesso, però,ero preoccupata perché valori di emoglobina bassa significano una mancanza di ossigeno nelle gambe». Ecco che la sportiva ha cominciato quindi, su indicazione medica, a effettuare flebo di ferro: «Però mi davano parecchi disagi, tra cui un fastidioso mal di stomaco» ha rivelato.

 tratto da Sanihelp.it

 

 

 


Share
comments
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

 

Curarsi con le medicine non convenzionali

tag alt

Ogni individuo dovrebbe avere il diritto di curare il proprio stato di malattia come preferisce: la questione è avere una reale coscienza se la medicina che appartiene alla sua cultura sia quella per cui optare per provvedere al proprio benessere
I princìpi culturali della società in cui si nasce sono portatori di una serie di valori, di idee, di correnti di pensiero, che appartengono esclusivamente ad essa e solitamente questi aspetti vengono dati per scontati.
Ogni disciplina umana possiede caratteristiche comunemente accettate dalla cultura di appartenenza: ciò che si diversifica spesso viene guardato con diffidenza, se non con sospetto. Questo è particolarmente riscontrabile nella sfera della medicina che, affondando le sue radici nella filosofia, spesso sperimenta terapie di cura che, in base al paese in cui sono nate, si distinguono nettamente dalla medicina standard a cui la maggior parte delle persone appartenenti al mondo occidentale sono abituate.

Share
comments

 

homeopathy bottle

La Repubblica italiana riconosce l'esercizio delle terapie e delle medicine non convenzionali, esclusivamente esercitate, fra gli altri profili medici, dai laureati in veterinaria. 

E' il cuore di un emendamento al DL Balduzzi presentato ieri in Commissione Igiene e Sanità del Senato, dai relatori  i Senatori Daniele Bosone e Michele Saccomanno.

La Commissione punta a recuperare norme di carattere sanitario presenti in altri provvedimenti già in stato avanzato di approvazione parlamentare. E' il caso delDisegno di Legge che porta la firma dell'ex Ministro della Salute Ferruccio Fazio per il quale le Camere hanno portato avanti un lungo tratto di iter legislativo.

Fra queste misure rientra la regolamentazione delle medicine non convenzionali. L'emendamento dei relatori, sotto forma di articolo aggiuntivo ( «Art. 13-bis. - Disposizioni in materia di regolamentazione delle medicine non convenzionali) al DL Balduzzi contiene il riconoscimento dell'esercizio delle terapie e delle medicine non convenzionali, "esclusivamente esercitate da laureati in medicina e chirurgia, da laureati in odontoiatria, da laureati in veterinaria e da laureati in farmacia, ciascuno per la propria competenza".

In base all'articolo aggiuntivo proposto, la Repubblica italiana riconosce le medicine non convenzionali (MNC) con i seguenti indirizzi terapeutici: a) agopuntura; b) fitoterapia; c) medicina omeopatica e discipline affini.

Ai medici, farmacisti, odontoiatri e veterinari che praticano le discipline mediche di cui al comma 3 "è consentito di definire pubblicamente la loro qualificazione professionale di esperto nelle discipline in oggetto".

Share
comments
Valutazione attuale: / 18
ScarsoOttimo 

 

 

Pochissime persone in tutto il mondo lo sanno, perché questo fatto è nascosto dall’industria farmaceutica e alimentare.

Nel 1931 lo scienziato tedesco Otto Heinrich Warburg ha ricevuto il Premio Nobel per la scoperta sulla causa primaria di cancro.

Proprio così. Ha trovato la causa primaria del cancro e ha vinto il Premio Nobel.

Otto ha scoperto che il cancro è il risultato di un potere anti-fisiologico e  di uno stile di vita anti-fisiologico.

Perché? Poiché sia con uno stile anti-fisiologico nutrizionale (dieta basata su cibi acidificanti) e l’inattività fisica, il corpo crea un ambiente acido.
(Nel caso di inattività, per una cattiva ossigenazione delle cellule.)

L’acidosi cellulare causa l’espulsione dell’ossigeno

La mancanza di ossigeno nelle cellule crea un ambiente acido.

Egli ha detto: “La mancanza di ossigeno e l’acidità sono due facce della stessa medaglia:. Se una persona ha uno, ha anche l’altro”

Share
comments

 

NELLE SIGARETTE C’E’ ANCHE UN VIRUS DEL TABACCO


Nella lista delle 4.800 sostanze che respira chi fuma una sigaretta ora c'e' anche un virus delle piante: il mosaico del tabacco. Lo hanno scoperto i ricercatori francesi dell'universita' di Aix-Marseille che hanno analizzato un cinquantina di sigarette di 6 marche diverse e i campioni di saliva di fumatori e non, in uno studio pubblicato su Journal of clinical virology. Gli scienziati, coordinati dal virologo Didier Raoult, hanno riscontrato la presenza di materiale genetico in tutto il tabacco analizzato. Non solo. Il virus vivo e' stato riscontrato nel 53% dei campioni testati. Il materiale genetico e' stato ritrovato anche nel 45% dei campioni di saliva di fumatori, mentre la saliva dei non fumatori non ne conteneva alcuna traccia. Per i ricercatore, quindi, il tabagismo e' la 'porta d'ingresso' di questo virus delle piante nel corpo umano. Non ci sono indicazioni che il patogeno abbia effetti sulle persone ma, anche tenendo conto di alcuni studi precedenti, i ricercatori considerano necessario valutare meglio gli effetti sull'organismo e l'eventuale capacita' di infettare le cellule dei mammiferi. Un microrganismo simile infatti, e' associato a dolori addominali e altri disturbi nell'uomo. Per approfondimenti

 

Share
comments
Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 

 

Vietato guarire

Sette anni fa guarisce dal cancro, oggi i giudici decidono che deve restituire i soldi delle terapie: 41 mila 178 euro. Perchè la sua malattia ”non si poteva curare” come ha fatto lei e cioè con il metodo Di Bella.

Bar
bara Bartorelli, quarantenne bolognese, scopre undici anni fa di avere un linfoma di Hodgkin. Si affida alle cure tradizionali, affronta quattro cicli di chemioterapia ma, dopo pochi mesi, la malattia ritorna più aggressiva.

Share
comments

 

 

L’Agopuntura è utile per ridurre la sofferenza anche nel dolore cronico. L'antica terapia orientale conferma le sue capacita' terapeutiche in una metanalisi in cui sono stati analizzati i dati di 17.922 pazienti. I risultati, pubblicati su Archives of internal medicine, mostrano che le persone trattate con la tecnica cinese presentano un miglioramento piu' marcato rispetto a chi riceve cure placebo o nessuna. I benefici maggiori si sono osservati - indicano i ricercatori dell'universita' della California, San Francisco - per i dolori alla schiena, al collo, alle spalle. Ma anche nell'osteoartrite e nei mal di testa cronici. Secondo gli autori, pero', non necessariamente gli effetti sono legati alla specifica azione degli aghi; ci potrebbero essere anche altri fattori in grado di influenzare il risultato terapeutico. Per approfondimenti

 

Share
comments
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

 

 

Ricercatori statunitensi del Channing Division of Network Medicine del Brigham and Women’s Hospital hanno verificato l'associazione esistente tra gli effetti collaterali derivanti dall'uso di analgesici con la perdita della funzione dell'udito, in particolare tra le donne. Lo studio pubblicato dall’American Journal of Epidemiology ha coinvolto 62.261 donne di età compresa tra i 31 e 48 anni, che sono state seguite per quattordici anni (dal 1995 al 2009). Durante il periodo di follow-up oltre 10.000 donne hanno riferito di aver subìto una perdita dell’udito.

Share
comments

 

Comunicazione Non Verbale

Cos'è con precisione il linguaggio del corpo, conosciuto anche come comunicazione non verbale? Il linguaggio del corpo consiste nello scambio comunicativo tra due o più soggetti che non include l'uso delle parole ed il loro significato ma che utilizza una comunicazione non parlata che riguarda appunto il linguaggio del corpo.

Anche se molto spesso non ce ne rendiamo conto, tutti noi, nella vita di ogni giorno, utilizziamo il linguaggio del corpo in percentuali di una certa consistenza. Gli studi condotti in questo campo hanno dimostrato che circa il 60 % delle informazioni che diffondiamo verso i nostri interlocutori provengono dal nostro corpo: gesti, mimica, espressione del viso, postura, tono della voce e moltissimi altri particolari ancora sono in grado di fornire molte informazioni sul nostro modo di essere.

Basti pensare che la voce veicola solamente il 40 % circa delle informazioni e di questo quaranta solo il 7% è affidato al significato delle parole; la restante percentuale del 33%, tono della voce, ritmo, frequenza, pause, volume fornisce più informazioni che le parole stesse. È per questi motivi che bisognerebbe fare maggiore attenzione al linguaggio del corpo ed ai suoi messaggi; si potrebbero comprendere molto meglio le persone con cui ci si trova a relazionarsi.

Share
comments
Link Exchange With Omeopatianet - Omeopatia