English French German Italian Portuguese Russian Spanish

ISCRIZIONI



Ricevi HTML?

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Aumenta la dimensione del testo

 

Venerdì 30 Marzo 2012 08:49


Piena collaborazione il traguardo del 2015, data entro la quale i medicinali omeopatici attualmente sul mercato dovranno essere registrati" afferma Fausto Panni, presidente di Omeoimprese. "

Anche la politica ha dimostrato maggiore interesse per il tema dell'omeopatia allargando l'azione anche sul fronte del riconoscimento della figura del medico specializzato in omeopatia, omotossicologia e antroposofia. In particolare, i senatori Baio, Bosone e D'Ambrosio Lettieri e l'onorevole Molteni, sono stati molto attivi nel presentare emendamenti indirizzati a raggiungere una maggiore semplificazione dell'iter registrativo".

Omeoimprese valuta che:

— ogni ulteriore semplificazione dell'iter registrativo dei farmaci attualmente sul mercato, per i quali la stessa direttiva europea prevede una registrazione semplificata, è auspicabile nella misura in cui facilita il lavoro di compilazione dei dossier di registrazione da parte delle aziende e quello di verifica da parte dell'Agenzia Italiana del Farmaco;

— i prodotti sul mercato attualmente (circa 30 mila referenze) sono in vendita da oltre trent'anni, e comunque dovevano essere presenti in Italia già nel 1995, e hanno dimostrato ampiamente la loro sicurezza non essendosi manifestate in questi anni gravi reazioni nei pazienti che le hanno utilizzate;

— recentemente AIFA ha rilasciato la piattaforma software per la creazione della banca dati che censisce in modo analitico i prodotti sul mercato e, in piena e stretta collaborazione con Omeoimprese, si stanno risolvendo tutti i normali problemi che si presentano all'avvio di un progetto impegnativo come questo. Si tratta di un momento di particolare collaborazione tra Agenzia e aziende del settore, che sono chiamate a trattare una mole non indifferente di dati in tempi piuttosto stringati;

— il data base omeopatici è un punto importante di avvicinamento alla vera e propria fase registrativa dei circa 30.000 medicinali omeopatici di cui ogni anno di vendono più di 28 milioni di confezioni, una fase che sta molto a cuore non solo alle aziende, ma anche ai medici e ai pazienti che scelgono questa modalità terapeutica

L'omeopatia in Italia è da anni un mercato in crescita. I dati raccolti da Omeoimprese tra i propri associati, che rappresentano il 90% del mercato, indicano per il 2011 una crescita media di circa il 3%, per un totale di circa 162 milioni di euro corrispondente a un sell-out (venduto in farmacia) di circa 325 milioni di euro. Le confezioni vendute nel 2011 sono state quasi 28 milioni.

Fonte: http://www.omeoimprese.it/

Quote this article on your site

To create link towards this article on your website,
copy and paste the text below in your page.




Preview :


Powered by QuoteThis © 2008
Share
comments
Link Exchange With Omeopatianet - Omeopatia