English French German Italian Portuguese Russian Spanish

ISCRIZIONI



Ricevi HTML?

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Aumenta la dimensione del testo

 


E' allarme per alcuni farmaci antipsicotici, dopo che uno studio americano asserisce che possono aumentare il rischio morte nei pazienti; si tratta di medicinali dal potente effetto sedativo, spesso usati quando i soggetti affetti da demenza diventano aggressivi. La ricerca, pubblicata online sul British Medical Journal, conclude che questi antipsicotici non dovrebbero essere utilizzati "in assenza di una chiara necessità". I ricercatori dell'Harvard Medical School hanno seguito 75.445 persone ricoverate in casa di cura, tutte con demenza, a cui venivano prescritti antipsicotici. I ricercatori hanno scoperto che alcuni di questi medicinali erano associati a un rischio di morte piu' che doppio rispetto al risperidone, un altro antipsicotico usato come modello per confrontare gli altri prodotti. "I dati - conclude lo studio - suggeriscono che il rischio di mortalita' con questi medicinali e' in genere aumentato con le dosi piu' alte, e sembra essere piu' elevato per l'aloperidolo e minimo per la quetiapina". Secondo Rebecca Wood di Alzheimer Research Gb, "i rischi degli antipsicotici sono noti", ma i progressi "sono ancora desolantemente lenti" per quanto riguarda la riduzione del loro uso. Questi medicinali "dovrebbero essere usati - ha detto l'esperta, commentando lo studio alla Bbc online - per le persone con demenza, solo quando non ci sono alternative nella gestione di comportamenti rischiosi". Per approfondimenti cliccare qui

Quote this article on your site

To create link towards this article on your website,
copy and paste the text below in your page.




Preview :


Powered by QuoteThis © 2008
Share
comments
Link Exchange With Omeopatianet - Omeopatia