English French German Italian Portuguese Russian Spanish

ISCRIZIONI



Ricevi HTML?

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Aumenta la dimensione del testo

DALLA PESTE NERA MEDIOEVALE DERIVANO LE EPIDEMIE MODERNE

Secondo uno studio pubblicato su 'Nature' e condotto utilizzando Dna estratto da vittime della Morte nera del Trecento, le epidemie contemporanee di Yersinia Pestis possono aver avuto origine proprio nel Medioevo. La mappatura del genoma del bacillo che causo' la peste nel Trecento ha permesso, infatti, ai ricercatori diretti da Johannes Krause dell'Universty of Tubingen (Germania) di confrontare il profilo genetico del batterio antico con quello moderno. Una ricerca in parte anticipata recentemente, con uno studio pubblicato su 'Pnas'. Grazie alle nuove tecnologie, che permettono la ricostruzione e la mappatura del Dna da campioni antichi, i ricercatori hanno potuto sapere di piu' sulla Morte nera che piego' l'Europa medievale (1347-1351). Causata dal batterio Y. pestis, quell'epidemia fu un esempio chiave di un'infezione emergente, caratterizzata dalla rapida diffusione e dall'elevata mortalita'. Una 'piaga' capace di contagiare il 50% della popolazione europea in 5 anni. Usando il Dna estratto dai resti scheletrici di quattro persone sepolte al cimitero di East Smithfield, a Londra - acquistato tra il 1348 e il 1349 per le vittime della Morte nera - Krause e i colleghi della McMaster University (Canada) hanno ricostruito una mappa genetica del batterio Y. pestis. L'analisi successiva indica che la Morte nera fu il principale evento storico responsabile dell'introduzione e della disseminazione a livello globale dei ceppi del bacillo ancora circolanti. Non solo, il confronto genetico dell'esemplare medievale con i 'pronipoti' moderni suggerisce che fattori differenti rispetto al Dna microbico - come l'ambiente, le dinamiche dei vettori e la suscettibilita' dell'organismo ospite - hanno un ruolo importante nell'arrivo delle infezioni di Y. pestis.
Fonte Sanità News
www.sanitanews.it
DALLA PESTE NERA MEDIOEVALE DERIVANO LE EPIDEMIE MODERNE


Secondo uno studio pubblicato su 'Nature' e condotto utilizzando Dna estratto da vittime della Morte nera del Trecento, le epidemie contemporanee di Yersinia Pestis possono aver avuto origine proprio nel Medioevo. La mappatura del genoma del bacillo che causo' la peste nel Trecento ha permesso, infatti, ai ricercatori diretti da Johannes Krause dell'Universty of Tubingen (Germania) di confrontare il profilo genetico del batterio antico con quello moderno. Una ricerca in parte anticipata recentemente, con uno studio pubblicato su 'Pnas'. Grazie alle nuove tecnologie, che permettono la ricostruzione e la mappatura del Dna da campioni antichi, i ricercatori hanno potuto sapere di piu' sulla Morte nera che piego' l'Europa medievale (1347-1351). Causata dal batterio Y. pestis, quell'epidemia fu un esempio chiave di un'infezione emergente, caratterizzata dalla rapida diffusione e dall'elevata mortalita'. Una 'piaga' capace di contagiare il 50% della popolazione europea in 5 anni. Usando il Dna estratto dai resti scheletrici di quattro persone sepolte al cimitero di East Smithfield, a Londra - acquistato tra il 1348 e il 1349 per le vittime della Morte nera - Krause e i colleghi della McMaster University (Canada) hanno ricostruito una mappa genetica del batterio Y. pestis. L'analisi successiva indica che la Morte nera fu il principale evento storico responsabile dell'introduzione e della disseminazione a livello globale dei ceppi del bacillo ancora circolanti. Non solo, il confronto genetico dell'esemplare medievale con i 'pronipoti' moderni suggerisce che fattori differenti rispetto al Dna microbico - come l'ambiente, le dinamiche dei vettori e la suscettibilita' dell'organismo ospite - hanno un ruolo importante nell'arrivo delle infezioni di Y. pestis.
Fonte Sanità News
www.sanitanews.it

 

Quote this article on your site

To create link towards this article on your website,
copy and paste the text below in your page.




Preview :


Powered by QuoteThis © 2008
Share
comments
Link Exchange With Omeopatianet - Omeopatia