English French German Italian Portuguese Russian Spanish

ISCRIZIONI



Ricevi HTML?

Valutazione attuale: / 5
ScarsoOttimo 
Aumenta la dimensione del testo
L'Organon di Hanemann
L'organon di Hanemann è il grande libro della medicina omeopatica. Esso contiene i concetti filosofici e le direttive pratiche per esercitare una vera scienza della terapia ed ogni autentico progresso verso questo obiettivo è quello che mi ripropongo in questo blog. Gli insegnamenti di Hanemann e l'edificio terapeutico eretto dalla scuola omeopatica, sono basati su due fattori distinti.
Da un lato, sui dati di fatto dell'osservazione e dell'esperienza, ottenuti per mezzo della stretta aderenza al metodo induttivo di ricerca; dall'altro sulle idee risultanti dall'esercizio del ragionamento deduttivo. Sono idee forse facenti parte di una più alta dimensione, che va al di là del consenso del pensiero scientifico moderno (che rappresenta solo un aspetto della scienza ma che non è la Scienza). Fino ad un certo punto la tendenza dell'omeopatia è stata di indirizzare le proprie energie sull'acquisizione di esperienze in grado di produrre risultati immediati, trascurando qualche punto dello studio dei principi basilari. Il risultato è che oggigiorno, pochi conoscono davvero l'omeopatia, compreso i medici che l'adoperano. Con la trascuratezza dello studio dei fondamenti dell'omeopatiasiamo arrivati ad un punto che la maggior parte degli operatori in questo campo adoperano i prodotti omeopatici come se adoperassero medicinali della medicina tradizionale (ufficiale). Questo ha portato ad un deterioramento di questa pratica caratteristica. Come unico antidoto a questa degenerazione, bisogna ripartire dallo studio dei principi che sono esposti nell'Organon. In questi concetti essenziali è scontata la necessaria accettazione di tutte le asserzioni di Hanemann ma atribuendo ad esse una diversa importanza alla luce dei progressi che ci sono stati nel campo della medicina e dlla comprensione delle malattie e dell'organismo.. Un'attenta discriminazione è necessaria perchè gli elementi minori possono essere istruttivi, possono ostacolare o essere distruttivi, a seconda del modo in cui vengono considerati. Mi servirò quindi di ogni scritto che mi possa aiutare nello scopo della divulgazione dei principi fondamentali di questa particolare ed efficacissima terapia che è l'omeopatia inventata da hanemann...
Spero che questo blog possa essere utile ai sinceri studiosi dell'omeopatia, medici e non e che possa rappresentare un utile passo in avanti verso la ricca miniera di profonda filosofia e di pratici suggerimenti contenuti negli scritti di Samuel Hanemann.

 

 

PERCHE’ L’OMEOPATIA PUO’ ESSERE SOLO “UNICISTA”

Tratto da:  http://www.omeosan.it/ del dr. Tancredi Ascani

Brevemente riassumiamo perché l’omeopatia è e deve essere solo unicista:

_ ogni rimedio omeopatico viene sperimentato SINGOLARMENTE su migliaia di persone sane volontarie e vengono raccolti tutti i sintomi, sia fisici che mentali, che provoca e che quindi è in grado di curare (secondo la Legge dei Simili). Questi rimedi vengono detti Unitari in quanto sono monocomponenti (formati da una pianta, un minerale o una parte di animale);


_ da ciò si desume che, essendo i rimedi omeopatici sperimentati UNO ALLA VOLTA, noi possiamo sape
re solo l’effetto di UN rimedio omeopatico somministrato per volta. Non sappiamo che effetti possano avere nell’organismo diverse sostanze somministrate insieme come avviene nell’omeopatia pluralista e nel complessismo (in omeopatia pluralista si somministrano diversi rimedi contemporaneamente o in diversi orari della giornata o comunque diversi rimedi nell’arco dello stesso ciclo di cura. Nel complessismo invece si usano i “complessi” cioè delle miscele di diversi rimedi omeopatici in formulazione fissa che vengono prescritti a seconda del sintomo senza quasi nessuna individualizzazione sul malato);

_ l’omeopatia unicista è stata usata con successo da più di due secoli e abbiamo una conoscenza ed esperienza vastissima sull’uso dei rimedi Unitari che, se correttamente utilizzati secondo i principi omeopatici (clicca qui), sono rimedi sicuri, curativi e privi di effetti collaterali;


_ mischiando invece diversi rimedi omeopatici tra loro (come avviene nell’omeopatia pluralista o nel complessismo) entriamo in un territorio “sconosciuto”. Abbiamo infatti una scarsissima conoscenza di tali preparati, non sappiamo bene che effetto possano avere nell’organsimo (in quanto non sono mai stati sperimentati su ampia scala su persone sane volontarie, come la metodologia omeopatica vorrebbe) e inoltre abbiamo esperienza che possano provocare effetti collaterali anche importanti, per non parlare del fatto che tali rimedi non sono assolutamente curativi, tutt'alpiù possono, se si è fortunati, alleviare un pò qualche sintomo acuto.

Non mi stancherò mai di sottolineare questi concetti in quanto difendere l’omeopatia unicista non vuol dire arroccarsi in posizioni rigide dettate solo da motivazioni ideologiche ma vuol dire praticare l’unica e vera omeopatia, quella che è stata fondata da Hahnemann (nella seconda metà del '700), che si basa sul metodo scientifico della sperimentazione sull’uomo sano e che ha come scopo la guarigione della persona nella sua totalità e non la soppressione dei sintomi.
L'omeopatia unicista inoltre non è statica o "ferma" come molti vorrebbero far credere ritenendola superata, al contrario, continua a crescere e ad evolversi grazie alle sperimentazioni di nuovi rimedi (derivati sempre e solo da sostanze presenti in natura) che avvengono di continuo nelle scuole omeopatiche di ogni parte il mondo.

L’omeopatia unicista purtroppo sta scomparendo poiché è una metodica diagnostica e terapeutica estremamente complessa (molto più facile dare a tutti lo stesso mix di rimedi sulla base del nome della malattia che un rimedio soltanto, scelto tra migliaia, specifico per quel paziente, in quel particolare momento della sua vita), son pochissimi i medici che vi si dedicano a tempo pieno e c’è scarso interesse da parte delle case farmaceutiche omeopatiche alla vendita di rimedi Unitari il cui costo è bassissimo e il cui effetto dura a lungo. Molto più facile portare un prontuario terapeutico a tutti i medici (sia convenzionali che non convenzionali) che prescriveranno ad ogni paziente lo stesso cocktail di rimedi omeopatici (molto più costoso dei rimedi Unitari) e i cui effetti saranno così scarsi che è necessario associare quasi sempre una terapia farmacologia di sostegno. Purtroppo la legge del profitto ha contaminato anche il mondo omeopatico.

Le persone sono avvisate: nel caso abbiate avuto brutte esperienze con l'omeopatia, informatevi bene se quella che avete seguito era veramente una cura omeopatica e se il medico a cui vi siete affidati era veramente un medico omeopata competente.


“Come la mia non violenza, l'Omeopatia non fallirà mai, ma i suoi seguaci possono fallire, quindi è l'ignoranza della persona che deve essere condannata”. Mahatma Ghandi

 

 

 

 

 

Quote this article on your site

To create link towards this article on your website,
copy and paste the text below in your page.




Preview :


Powered by QuoteThis © 2008
Share
comments
Link Exchange With Omeopatianet - Omeopatia