English French German Italian Portuguese Russian Spanish

ISCRIZIONI



Ricevi HTML?

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Aumenta la dimensione del testo

DAL MESE DI AGOSTO CASI DI INFLUENZA H1N1 A NEW YORK ED A SANREMO

Scusate il titolo scherzoso per un argomento serio. Il 14 ottobre 2009 anche alcune organizzazioni mediche pediatriche hanno dichiarato

Cari Colleghi,

Si!!! Avevate ragione…quell’insolito aumento delle visite per febbre e mal di gola nei mesi di luglio e agosto era dovuto proprio a lui…il famigerato H1N1: lo confermano i dati epidemiologici ministeriali.

Oggi la presenza del virus pandemico è diventata una costante nei nostri studi (anche se al momento non predomina sugli altri virus responsabili delle ILI).

EPPURE QUANDO NEL MESE DI AGOSTO MOLTI PEDIATRI ITALIANI, ED ANCHE NELLA PROVINCIA DI IMPERIA DOVE VIVO, RILEVAVANO CHE L'AUMENTO DEGLI EPISODI DI FEBBRE ERA PROBABILMENTE LEGATO ALLA DIFFUSIONE PRECOCE DELL'H1N1, VENIVANO ZITTITI

Per quanto riguarda la mia esperienza professionale, nella vicina Francia e nel Principato di Monaco chiudevano le scuole per influenza da virus H1N1v mentre da noi a pochi Km di distanza non si rilevava e non si poteva diagnosticare nessun caso di H1N1v.

Allora fatevi una domanda ma tutti questi bambini che hanno fatto l'influenza verrrano vaccinati? leggete una corrispondenza con un collega di New York ed osservate che quanto è successo a San Remo in Provincia di Imperia, accadeva anche a New York , quindi in tutta Italia ed in tutta Europa, e visto che è una Pandemia, in tutto il mondo.

Solo il 14 ottobre 2009, si inizia a dire che "forse" è influenza H1N1, che "forse" la malattia non è così pericolosa, che "forse" l'incidenza e la prevalenza delle quali si scrive sui giornali non sono reali. Ma allora ... perché tutta questa situazione paradossale che si osserva ogni giorno negli ambulatori dei medici? Perché questa paura.

Leggete in originale o con la traduzione questa lettera che mi ha mandato una mia paziente, ed amica, di New York nel mese di Settembre, sono le stesse osservazioni e le stesse opinioni che ripeto, ANZI CHE RIPETIAMO, dal mese di agosto, .... e chiedetevi se tutto quello che state vivendo ha un senso ...... ed a chi serve.

lettera ai genitori 01 settembre 2009 sull’influenza h1n1

Letter to Parents September 1, 2009

Dear Families,

This spring, we started seeing large number of kids of all ages with flu symptoms. This was true at each of our Tribeca Pediatrics offices in Manhattan and Brooklyn. The numbers have tapered off now, but it's September, and we're still seeing an unusually high number of kids with the same flu. The virus causes about four days of very high fever but few other symptoms. The kids who caught it fared surprisingly well, and in our practice, all of them recovered without any complications.


Back in the spring, we didn't know whether we were facing swine flu or another virus. Looking back, it's clear that we were seeing the H1N1 (aka swine flu) virus, which was widespread in New York. The good news is that whatever virus it was, it appears to have been no more virulent than the regular flu. Although there were some complications and even deaths from the swine flu in New York, those complications were no worse than we've seen with previous flu strains. This is quite reassuring.


Should we be scared of the swine flu?

What is not reassuring is the media coverage of this flu and some of the warnings from major health institutions. Could this flu become more virulent and turn into a major pandemic? It's hard to predict, but let's recall the bird flu scare from a couple of years ago. Media-mongers were raising the spectre of that illness migrating to humans and becoming a major worldwide health concern. That never happened: Bird flu is still around, but it's confined to birds, with only very exceptional transmissions to humans. When was the last time you heard someone worrying about bird flu?

So far, H1N1 seems to be moderately virulent and is behaving like a regular flu. Health experts don't expect it to become more virulent in the months to come. No reason for an orange alert!


A pound of prevention ...


As you may know, the flu vaccine is not foolproof. It is made every year well in advance of flu season, based on which flu strains are expected to be prevalent that year. The effectiveness of the vaccine depends on the accuracy of these predictions, which varies from year to year. For example, this past year was a miss, since the vaccine didn't account for the year's main flu, the H1N1 virus. Despite this lack of effectiveness, the CDC recommends flu vaccination for pregnant women, households with kids younger than six months, healthcare workers, children ages six months to 18 years, young adults, and people over 25 with health conditions. In short, practically everyone. Most doctors adhere to these guidelines by recommending flu vaccination in general, saying that even if it's not perfect, at least it's good protection.


This year, the Centers for Disease Control and Prevention (CDC) announced that the regular seasonal flu vaccine still won't protect against H1N1. Working with the CDC, pharma giant GlaxoSmithKline is developing a separate H1N1 vaccine, which they say will be widely available. Its effectiveness won't be guaranteed, however, because there's not enough time for extensive clinical trials. When this vaccine becomes available, the CDC plans to recommend immunization for the same groups of people who get the regular flu vaccine ... in short, practically everyone.


My reservations


My opinion of the flu vaccine is more reserved: It's no miracle shot. If the vaccine were as efficient as it's said to be, by now we'd have seen a marked decrease in flu cases, since rising numbers of vaccinated people should decrease contagion. But this is definitely not the case: Every year, we see the same number of flu cases, and many of them in vaccinated kids. Also, the vaccine doesn't protect against new flu strains that appear periodically, as they did this year. You have to wonder if the flu virus is mutating as we add new strains to the immunization mix.

As much as I am a proponent of vaccinations overall, I hesitate to recommend widespread flu immunization for children. First, contrary to common belief, children -- even young ones -- are able to fight the flu very well. For example, every winter, many mothers who've just had babies coincidentally get the flu right after birth. I've observed that while the moms are generally in bed with 104º fever for a few days, their weeks-old babies have much milder symptoms. 

Second, I believe that when we administer the flu vaccine to children (and when it actually protects against the illness), we prevent them from developing natural immunity. Because the vaccine is not that efficient, they may very well contract the flu later in life. And since they'll have had fewer chances to build natural defenses, they may be more susceptible to a severe course of illness. Swine flu provides a good and recent example of this: Those who fared best against the H1N1 virus were people in their 50s who'd been exposed to a similar virus when younger. As a result, they'd developed some immunity to this new strain and handled it better than those who'd never been exposed. 

In short, I believe that the flus you fight in childhood can make you stronger against the ones you encounter later.


Our recommendations

For regular flu vaccines: At Tribeca Pediatrics, we will offer the flu vaccine to parents and children, while explaining its limitations. If you are very concerned about the flu and want to be more proactive, go ahead and give your child the vaccine. Apart from an occasional soreness at the site of injection, it has almost no side-effects, and it may prevent a case of flu. In any event, it won't hurt. But if, like me, you're on the fence about the flu vaccine, we will support your decision to opt out based on the above argument. No matter which path you choose, if your child catches the flu, we will monitor the illness carefully to avoid complications and ensure full recovery.

For the H1N1 vaccine: Let's take it one day at a time. First, let's see if it becomes available. And if does, we'll carefully review the research data before we recommend it. Bear in mind that this is a new vaccine developed in very little time to fight an illness that has so far proved quite benign. As of now, I don't see any reason for you to roll up your sleeves and rush to the swine flu immunization lines.


Stay tuned. For the latest updates on this subject and others, or follow us on
twitter 
Cheers,


Michel Cohen, M.D.

Due to the demand for the H1N1 vaccine, our manufacuturer has delayed the shipment for the seasonal flu vaccine until late November. At this time we are no longer scheduling flu vaccine appointments. We will update our website as soon as we receive the seasonal and H1N1 vaccines.

Due to the demand for the H1N1 vaccine, our manufacuturer has delayed the shipment for the seasonal flu vaccine until late November. At this time we are no longer scheduling flu vaccine appointments. We will update our website as soon as we receive the seasonal and H1N1 vaccines.

TRADUZIONE LETTERALE

Spero che tutti voi abbiate passato  una bella estate. Noi siamo stati impegnati al Tribeca Pediatrics Medical Center per la prossima apertura dei nostri nuovi studi in Midtown Manhattan ed a Park Slope dal 15 Settembre. Saremo lieti di dare il benvenuto a chi abita nelle vicinanze. Non è questa, però l’unica ragione per la quale vi scrivo. Voglio darvi delle indicazioni sull’influenza e sulle vaccinazioni per l’influenza, in quanto all’inizio della scuola sappiamo che è un argomento che vi interessa molto. Verso la fine di questa primavera abbiamo cominciato a vedere un grande numero di bambini di tutte le età con sintomi di influenza. Questo è avvenuto in tutti gli studi, sia al Tribeca, Pediatrics Center che in Manhattan ed in Brooklyn. Queste influenze sono progressivamente diminuite, ma adesso a Settembre stiamo vedendo ancora un numero inusuale in questa stagione di bambini di tutte le età con i sintomi dell’influenza. Il virus causa circa quattro giorni di febbre molto alta ed altri sintomi tipici. I bambini che prendono questa malattia rispondono sorprendentemente bene alle cure, e per quello che è la nostra esperienza, sono tutti stati seguiti senza nessuna complicazione. Tornando indietro alla primavera, noi non sapevamo se eravamo di fronte all’influenza suina, oppure ad un altro virus. Ora guardando indietro, è chiaro che eravamo di fronte al virus H1N1v, che era largamente diffuso a New York. La buona notizia è che qualunque sia il virus non sembra più virulento di un’influenza regolare. Anche se abbiamo avuto qualche complicazione e qualche morto a causa di questa H1N1 flu, questa non sono state diverse da quelle delle precedenti influenze. Questo è abbastanza rassicurante. Dovremmo essere spaventati dall’influenza suina? Quello che è meno rassicurante è la copertura che i Media danno al problema e tutti gli stati di allerta che vengono emessi dalle Autorità sanitarie.

Potrebbe questa influenza diventare più virulenta e trasformarsi in una pandemia di più grandi dimensioni? È difficile da predire, ma richiamiamo alla mente l’influenza aviaria di qualche anno fa. I Media –monger (ritengo superflua la traduzione. Ndr) stavano facendo crescere lo spettro di quella malattia che dagli animali sta passando agli uomini che potreva diventare un grande problema di salute che riguardava il mondo intero. Questo non è mai successo: l’aviaria è ancora in giro, ma è confinata agli uccelli, con solo qualche rara trasmissione agli esseri umani.

Quando è stata l’ultima volta in cui avete sentito che qualcuno era preoccupato per l’aviaria? Per adesso, l’influenza H1N1 sembra che sia moderatamente virulenta e si comporta come una febbre normale. I medici esperti non prevedono che questa diventi più virulenta nei mesi a seguire. Non ci sono ragioni per un’allerta arancione! Solo un po’ di prevenzione…

Come saprete, il vaccino dell’influenza non è infallibile. È fatto ogni anno in anticipo rispetto all’influenza stagionale, basato sulle specie d’influenza che si aspettano che prevalgano quell’anno. L’efficienza di ogni vaccino dipende dall’accuratezza di queste predizioni, che cambiano ogni anno. Per esempio l’anno passato è stato poco efficace, dal momento che il vaccino non ha tenuto conto dell’influenza principale di quest’anno, il virus H1N1.

Nonostante questa mancanza di efficacia, il CDC (Controllo delle Malattie e della Prevenzione) raccomanda la vaccinazione per le donne incinta, genitori con bambini più giovani di sei mesi, lavoratori nell’area sanitaria, bambini e ragazzi dai sei mesi ai diciotto anni, giovani adulti, e persone sopra i venticinque anni con alcuni problemi di salute. In breve, praticamente tutti.

Molti medici aderiscono a queste guide linee raccomandando la vaccinazione in generale, dicendo che anche se non è perfetto, almeno è una buona protezione.

Quest’anno, il Centro per il Controllo delle Malattie e della Prevenzione (CDC), ha annunciato che il regolare vaccino stagionale per l’influenza non proteggerà contro l’H1N1. Lavorando con il CDC, la multinazionale GlaxoSmithKline sta sviluppando un vaccino H1N1 separato, che dicono sarà largamente disponibile. La sua efficacia non sarà garantita comunque, perché non c’è abbastanza tempo per le prove. Quando questo vaccino sarà disponibile, il CDC organizzerà le raccomandazioni per l’immunizzazione per lo stesso gruppo di persone che si sono vaccinati per la normale influenza, in breve praticamente tutti. La mia opinione sul vaccino è che non sarà una iniezione miracolo.

Se, in generale, il vaccino per l’influenza funzionasse bene come dicono che sia, già adesso avremmo visto una marcata decrescita dei casi d’influenza., poiché l’incremento nel numero dei vaccinati dovrebbe diminuire il contagio. Ma questo non è sicuramente il nostro caso: ogni anno vediamo lo stesso numero dei casi d’influenza, e molti di questi nei bambini vaccinati. Inoltre i vaccini non proteggono dai nuovi tipi d’influenza che appaiono periodicamente, come è successo quest’anno.

Bisogna pensare che se il virus dell’influenza sta mutando noi dobbiamo aggiungere sempre nuove specie al sistema immunizzante.

Quando propongo il vaccino, esito a raccomandare una larga immunizzazione per i bambini. Per prima cosa, contrariamente alle credenze comuni, i bambini(anche quelli molto piccoli) sono in grado di combattere il virus molto bene. Per esempio, ogni inverno, molte madri che hanno appena avuto un figlio, coincidentemente si ammalano di febbre subito dopo la nascita.

Ho osservato che mentre le mamme sono generalmente a letto con la febbre molto alta per alcuni giorni, i bambini di poche settimane, hanno gli stessi sintomi, molto più lievi.

In secondo luogo, credo che quando sottoponiamo i bambini al vaccino per l’influenza (e quando è protettivo per la malattia), li ostacoliamo nello sviluppo dell’immunità naturale. Poiché il vaccino non è così efficiente, potranno contrarre il virus nel seguito della loro vita. E poiché hanno avuto poche possibilità di crearsi un sistema immunitario forte, la loro malattia sarà molto più violenta.

La febbre suina ci regala un buono e recente esempio di ciò: coloro che hanno reagito meglio all’H1N1 erano quelli che erano esposti a influenze simili mentre erano giovani. Come risultato, hanno sviluppato qualche immunità a questa nuova specie e la affrontano meglio di quelli che non si sono mai esposti a questa (una influenza simile si è manifestata nel 1976 in tutti gli USA,. Ndr) . In breve, credo che le lotte del sistema immunitario contro l’influenza nell’infanzia possono far diventare più forte il futuro adulto contro tutte quelle che incontrerà nel corso della vita.

Le nostre raccomandazioni per i vaccini aniifluenzali: al Tribeca, offriremo il vaccino ai bambini e ai genitori, ma spiegando questi limiti. Se sei molto interessato e preoccupato e vuoi diventare molto protettivo ed intraprendente e vuoi fare il vaccino, vai avanti e fai al tuo bambino il vaccino. A parte qualche occasionale dolore nel momento dell’iniezione, non alcun effetto particolare, e potrebbe prevenire un caso di influenza.

In ogni caso non farà  male.

Ma se, sei sulla staccionata (in bilico) della vaccinazione, noi ti supporteremo nella tua decisione per scegliere. Non importa quale strada sceglierai, se tuo figlio prenderà l’influenza, noi controlleremo la malattia con calma per evitare complicazioni e per assicurare una completa guarigione. Per il vaccino H1N1: cerchiamo di prenderlo a suo tempo. In primo luogo, guardiamo se diventerà disponibile.Se lo sarà noi controlleremo nuovamente tutti i dati prima di raccomandarlo. Tieni presente che questo è un nuovo vaccino sviluppato in un breve tempo per combattere una malattia che non ha portato ancora molto male. Per adesso, non vedo nessuna ragione per tirarti su le maniche e correre all’immunizzazione. Segui il nostro sito per gli ultimi aggiornamenti e altro, visita ondine www.tribecapediatrics.com .

Michel Cohen, M.D.

Quote this article on your site

To create link towards this article on your website,
copy and paste the text below in your page.




Preview :


Powered by QuoteThis © 2008
Share
comments
Link Exchange With Omeopatianet - Omeopatia