English French German Italian Portuguese Russian Spanish

ISCRIZIONI



Ricevi HTML?

Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 
Aumenta la dimensione del testo

Image Creativi culturali. Ma chi sono? Cosa fanno? Dove sono? Cosa creano? E come? Cerchiamo di capire meglio… In Creativi Culturali (Xenia, 2009) si legge l’interessante profilo di questi soggetti. In Italia e negli Usa rappresentano circa il 35% della popolazione adulta. Hanno una visione del mondo che si oppone a quella dominante. Coltivano l’anima, la spiritualità. Hanno molta cura della qualità delle relazioni interpersonali. Credono nel beneficio di cure alternative come l’omeopatia, la cromoterapia, la pranoterapia. Sono disposti a spendere di più in cambio di reali vantaggi fisici e morali.

La pace è per loro la condicio sine qua non di ogni evoluzione positiva. L’ecologia e il benessere del pianeta interessa loro moltissimo. Prendono distanza dall’edonismo, dalla materialità dei beni, dal cinismo produttivo. Non si informano con mezzi tradizionali quali la televisione generalista. Creano la loro informazione, si nutrono di controinformazione, si orientano preferibilmente verso il consumo critico. Prediligono prodotti culturali ai prodotti materiali.

Per loro non è importante avere la macchina bella, il terzo cellulare del colore all’ultima moda. Gli occhiali dello stilista più in voga. La borsa griffata da portare sul gomito alto (posizione scomoda, innaturale per altro, e brutta a vedersi). Per loro ciò che conta realmente è la realizzazione dei sé. Si badi bene, non del sé isolato. Del sé collegato ad un tutto. Già, perché i creativi culturali sono anche profondamente olistici, credono in un tutto collegato armonicamente, dove il singolo ha sì importanza, ma ne ha ancora di più quando è connesso al tutto.

Creano una nuova cultura, un’originale energia. Perché si sono resi conto degli effetti negativi e delle conseguenze irreparabili del modello materialista sinora dominante. Quello che ha portato alla famigerata “crisi”. Crisi energetica, economica. Crisi personale, crisi sociale. Ma la crisi secondo l’etimologia greca è un momento di separazione. Un momento di svolta, che separa una maniera di essere da un’altra differente.

Vediamole così queste crisi. Come occasioni per creare una maniera differente di vivere. Occorre essere creativi per vivere meglio. Occorre essere creativi per trovare del bene anche nei momenti più difficili. Che i creativi culturali possano davvero unire le loro voci. Che possano aumentare. Che possano attuare il loro potenziale di cultura dominante. Che possano influenzare positivamente il sistema politico.

Dobbiamo cambiare per sopravvivere su questo pianeta. Cambiare in meglio. Cambiare in tempo.

a cura di Silvia Passini di LifeGate


Quote this article on your site

To create link towards this article on your website,
copy and paste the text below in your page.




Preview :


Powered by QuoteThis © 2008
Share
comments
Link Exchange With Omeopatianet - Omeopatia