Italian English French German Portuguese Russian Spanish Thai

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
  • Categorie
    Categorie Consente di visualizzare un elenco di categorie di questo blog.
  • Tags
    Tags Consente di visualizzare un elenco di tag che sono stati utilizzati nel blog.
  • Bloggers
    Bloggers Cerca il tuo blogger preferito da questo sito.
  • Team Blogs
    Team Blogs Trova il tuo blog collettivi preferiti qui.
Inviato da il in Libertà di cura
  • Dimensione carattere: Maggiore Minore
  • Visite: 3960
  • Stampa

La SIOMI giudica imprecise e fuorvianti le affermazioni di alcuni scienziati contro l'omeopatia

La SIOMI giudica imprecise e fuorvianti le affermazioni di alcuni scienziati contro l’omeopatia  -  20/04/2007

Galileo 2001, Gruppo 2003 e Società di Medicina Interna contro le medicine complementari. Le affermazioni degli scienziati diffuse dalla stampa danno ai cittadini informazioni imprecise e fuorvianti almeno per due motivi principali:


1- Non è vero che non vi siano prove di efficacia delle medicine complementari. Il processo di dimostrazione di efficacia è un processo dinamico, in cui la stessa Medicina Convenzionale è coinvolta, e sicuramente un più elevato livello di dimostrazione di efficacia della Medicina Complementare è augurabile, ma proprio per questo le evidenze già prodotte per agopuntura, fitoterapia e omeopatia sono implementabili ma non negabili. Semmai, in un settore il cui il giro d’affari mondiale è inferiore rispetto a quella di una piccola azienda farmaceutica, è fortemente auspicabile che le autorità sanitarie destinino risorse per incrementare questo processo di valutazione di efficacia.

2- ad utilizzare le medicine complementari sono medici molto spesso specialisti sia in alcune branche della medicina classica che in una medicina complementare. In particolare il 75% degli oltre 1000 medici iscritti alla SIOMI sono medici spesso plurispecialisti impiegati del SSN, nelle Università, Ospedali e territorio. Il medico esperto anche in medicina complementare è semmai più ricco di risorse terapeutiche e può scegliere quale sia lo strumento migliore, se il medicinale omeopatico o il farmaco convenzionale a seconda del quadro clinico del paziente. Il paziente non solo non corre alcun rischio, ma semmai riceve più offerte terapeutiche. In particolare, spesso riceve risposte efficaci per problemi che la medicina convenzionale non aveva risolto, per problemi per cui semplicemente non esistono altre cure, per problemi per cui le cure impiegate si erano rivelate talmente gravate da effetti collaterali da essere impraticabili


La SIOMI desidera ribadire che:

è necessario che lo Stato italiano emani una Legge di regolamentazione del settore delle medicine complementari. Poiché un quarto della popolazione italiana utilizza queste medicine i cittadini devono essere messi al riparo dai fenomeni di abusivismo della professione medica da parte di figure non mediche e da parte di operatori improvvisati. Questo è ottenibile soltanto creando un sistema di certificazione e di qualità che non può che basarsi su un riordino legislativo dell’intero sistema.

Il progressivo aumento di malattie croniche invalidanti purtroppo evidenzia come la medicina classica sia in molti casi efficace ma in altri inefficace, impraticabile o dannosa. Spesso le medicine complementari offrono soluzioni terapeutiche proprio nei casi in cui i farmaci convenzionali si sono rivelati inefficaci o inappropriati. Ignorare i limiti della medicina classica e proporla come un metodica risolutiva per tutto è una posizione antiscientifica quanto quella di alcuni settori della Medicina Complementare che ritengono che questa possa curare tutto. Per entrambe queste posizioni non esiste alcuna evidenza scientifica al riguardo.

E’ vero invece che 32 Università americane si sono riunite in un Consorzio per la Medicina Integrata, riconoscendo che nell’alleanza tra medicina classica e medicine complementari sta il futuro della medicina. Anche i cittadini italiani hanno diritto a ricevere le stesse opportunità terapeutiche e i medici italiani hanno diritto di accedere alle stesse opportunità formative.

La SIOMI stigmatizza tutte quelle posizioni che sono dettate da posizioni pregiudiziali e ideologiche e promuove tutte quelle posizioni pragmatiche e non preconcette che, disponibili per un serio confronto culturale e scientifico, intendano operare per i reali bisogni del paziente e per una evoluzione della medicina stessa. verso quelle forme di integrazione che sembrano essere una evoluzione utile della stessa Medicina Classica.

Simonetta Bernardini
Presidente SIOMI
Vota:
0
URL di riferimento per questo blog.

Commenti

The United Kingdom bookis by betroll.co.uk
LadbrokesPLC is a British based gaming company. by l.betroll.co.uk
William Hill Horse Racing by w.betroll.co.uk